5 consigli per una vacanza a Parigi

State pensando a una vacanza a Parigi? Ci ho abitato più di un anno e ho perso il conto delle volte che ci sono tornata quindi si può dire che sono abbastanza ferrata sull’argomento. E dato che questo blog è nato proprio per condividere esperienze di viaggio, ecco le mie dritte per organizzare una vacanza nella capitale Francese.

Dormire gratis a Parigi… tra i libri!

interno della libreria

Uno pensa di conoscere abbastanza una città in cui ha vissuto e invece… non sapevo che a Parigi, nella storica libreria Shakespeare & Company (37, rue de la Boucherie) ci si poteva anche dormire, per di più gratis. Cioé: sapevo che nel corso degli anni molti scrittori erano stati ospitati tra le sue mura, ma non sapevo che questa abitudine fosse ancora in atto ed estesa anche a comuni mortali. E dire che lì dentro ci ho passato un bel po’ di tempo!

Ma tornando alla notizia, ripresa via Europe String, sembra che l’eccentrico proprietario e fondatore della libreria, George Whitman, lasci alcuni posti letto a disposizione di ospiti selezionati. Il cosiddetto Tumbleweed Hotel ha in tutto 8 letti, posti al secondo piano della libreria, sistemati tra gli alti scaffali in legno del negozio. Ovviamente ci sono delle condizioni per poter dormire gratis: non solo si accede tramite invito del proprietario, ma questo è limitato a scrittori o (al massimo) veri amanti dei libri, inoltre bisogna dare in cambio il proprio aiuto per piccoli lavori nella libreria per un’ora al giorno (spazzare o spolverare i volumi) o in alternativa impegnarsi a leggere un libro al giorno, infine occorre liberare la “stanza” prima dell’apertura della libreria (alle 11). Ben poca cosa in fondo se si pensa che si ha il diritto di dormire in un posto che appartiene alla storia letteraria di Parigi.

La libreria Shakespeare & Co infatti, fondata nel 1951 da Whitman, non è solo il miglior posto per trovare un libro in lingua inglese in città (incluse edizioni rare e libri usati), ma anche un posto dal quale sono passati scrittori del calibro di Henry Miller, Anäis Nin e Allen Ginsberg: situata a due passi da Notre Dame..