Tempo di lettura:4 Minuti

Dopo il debutto lo scorso 1 Dicembre alla Triennale di Milano, il Don Giovanni firmato Fornasetti arriva finalmente sul palcoscenico del Teatro della Pergola di Firenze.  Il 10, 12 e 13 gennaio 2017, in contemporanea con lo svolgimento di Pitti Immagine Uomo 91, la Fondazione Teatro della Toscana propone in esclusiva regionale “Il dissoluto punito ossia il Don Giovanni”, capolavoro di Mozart nello splendore della sua versione originale. Un appuntamento attesissimo e imperdibile, per gli amanti dell’opera ma anche per gli appassionati di moda e design. 

Si può mettere d’accordo melomani, cultori del design e fashion addict? Probabilmente sì, o almeno questo è quello che potrebbe accadere il prossimo 10 Gennaio. Questa è infatti la data della prima fiorentina del Don Giovanni di Mozart, prodotta da Fornasetti. Un progetto che strizza l’occhio a chi è particolarmente attento allo stile in senso lato. L’opera ha infatti debuttato infatti alla Triennale di Milano per poi inserirsi nel calendario di Pitti Immagine Uomo 91.

2 LOW Don Giovanni Fornasetti ph Ray

Eppure questa versione del Dissoluto punito ossia il Don Giovanni – così Mozart intitolò la sua opera – promette di essere ben più di una raffinata esperienza visiva. Il maestro Luca Toni, con la sua orchestra Silete Venti!, ha deciso infatti di proporre la versione originale dell’opera che Mozart scrisse a Praga nel 1787. Come è noto la versione praghese, il cui successo fu leggendario, è stata modificata nel tempo. Già alla successiva rappresentazione, a Vienna, l’opera si presentava diversa con vari tagli e aggiunte.

In questo caso non si tratta semplicemente di scegliere una delle due versioni, ma di portare in scena un’orchestra settecentesca. I trenta elementi suoneranno strumenti d’epoca, disposti in senso longitudinale. Questa formazione permette ai fiati di suonare di fronte agli archi, come nel Settecento. Anche la partitura sarà quella originale, scritta da Mozart.

“Ho sempre creduto che la decorazione sia necessaria, come la musica. Provate a immaginare un mondo senza musica, la stessa cosa un mondo senza decorazione.”

Barnaba Fornasetti

Il tutto sarà infine accompagnato dal suono di un fortepiano. Per l’occasione l’esperto di strumenti antichi Paul McNulty ne ha costruito uno sul modello dello strumento prediletto da Mozart, conservato a Salisburgo.

Il Don Giovanni che andrà in scena alla Pergola sarà quindi un ideale viaggio nel tempo, per suscitare le stesse emozioni che provò il pubblico di Praga in quel famoso Ottobre del 1787. Una full immersion insomma in un teatro molto diverso da quello che oggi conosciamo.

Se la ricerca musicale è all’insegna del “filologicamente corretto”, l’aspetto visivo sarà  una rivisitazione in chiave contemporanea del passato. Il gusto vintage di Fornasetti si fonde quindi con i costumi colorati di Romeo Gigli per creare una dimensione surreale, in cui la citazione dell’antico diventa spunto per astrazioni grafiche di forte impatto.

Le celebri riproduzioni seriali dei volti di donna che contraddistinguono il design di Fornasetti, diventano qui raffinata rappresentazione dell’ossessione del protagonista.  Le luci e i costumi invece concorrono nel creare personaggi fuori dal tempo, antichi e attuali al tempo stesso. Perché in fondo, dopo 230 anni il Don Giovanni del libretto di Da Ponte è ancora incredibilmente attuale.

Nell’attesa di vedere lo spettacolo in scena a Firenze – nel caso non siate tra i fortunati che l’hanno già visto a Milano – vi consiglio comunque di visitare il bellissimo sito allestito da Fornasetti per l’occasione, in sé un piccolo gioiello, curato nei minimi particolari, nel quale troverete dettagli sullo spettacolo e sul cast.

Se poi invece volete avere un’idea del lavoro che sta dietro allo spettacolo, potete dare uno sguardo al canale YouTube ufficiale di Fornasetti, dove troverete alcuni video molto suggestivi nei quali protagonisti e addetti ai lavori (regista, costumista, direttore d’orchestra, ecc.) raccontano il progetto. Io vi lascio con le parole di Barnaba Fornasetti, che in qualità di deus ex machina di questa opera mi sembra la voce più autorevole per raccontarvi questo originalissimo Don Giovanni.

INFO e PRENOTAZIONI

Biglietteria

Teatro della Pergola
Via della Pergola 30, Firenze
055.0763333 – biglietteria@teatrodellapergola.com
Dal lunedì al sabato: 9.30 / 18.30

Circuito regionale BoxOffice
biglietteria online

 

Scheda dello spettacolo

Il dissoluto punito ossia il Don Giovanni
di Wolfgang Amadeus Mozart e Lorenzo Da Ponte


Orchestra: Silete Venti!

Direttore d’orchestra: Simone Toni

Progetto e Scenografia: Barnaba Fornasetti

Costumi e direzione creativa: Romeo Gigli

Regia: Davide Montagna

Luci: Gigi Saccomandi

Direzione artistica: Valeria Manzi e Roberto Coppolecchia

Direzione di produzione: Andrea Nannoni

Cast

Don Giovanni Christian Senn, baritono

Leporello
Renato Dolcini, baritono

Donna Elvira Emanuela Galli, soprano

Donna Anna
Raffaella Milanesi, soprano

Don Ottavio
Andres Agudelo, tenore

Commendatore e Masetto
Mauro Borgioni, baritono

ZerlinaLucía Martín-Cartón, soprano

Maestro di coro: Marco Bellasi

Danzatori della Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi e all’Accademia Dancehaus di Susanna Beltrami: Anita Lorusso, Vittoria Franchina, Erica Meucci, Luana Rossin, Sebastiano Geronimo, Luciano Ariel Lanza, Giuseppe Morello, Donato Demita

59c54cf2124c9de7cf004562e52036cc?s=400&d=mm&r=g

A proposito dell\\\\\\\\\\\\\\\'autrice

lonelytraveller

Happy
Happy
100 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Alluvione 1 Previous post Firenze e l’alluvione: appuntamenti per ricordare
2 LOW Cantiere Opera Elio e Francesco Micheli con scritte Next post Cantiere Opera al Teatro Niccolini con Elio e Francesco Micheli