Tempo di lettura:4 Minuti

Quando qualcuno torna dalla Gran Bretagna e in particolare da Londra lamentandosi del cibo, io resto sempre un po’ stupita. Anche se la cucina tradizionale del Regno Unito non è varia come quella Italiana io ho sempre mangiato bene. Inoltre Londra è un’eccezione: infatti in questa metropoli non mancano le opportunità per soddisfare anche i foodies più esigenti anche con un budget low cost – almeno sugli standard della capitale più cara d’Europa.

Borough Market - London

In tutto il mondo il modo migliore per imparare a conoscere il cibo locale è buttarsi in un mercato e provare i vari tipi di street food in circolazione: Londra non fa eccezione. I mercatini qui non mancano, e in molti di questi ci sono piccoli locali o bancarelle che si sono fatte una certa reputazione. Tra questi il Borough Market è sicuramente quello che più di tutti permette di immergersi nel panorama dello street food anglosassone e internazionale.

Borough Market - London

Il Borough Market è un piccolo ma vivacissimo mercato che si trova nell’area di Central London e più precisamente a Southwark, vicino al lato sud del London Bridge. Normalmente funziona come mercato all’ingrosso ma dal Giovedì al Sabato è aperto anche al pubblico. Si tratta di uno dei mercati alimentari più antichi della capitale, visto che viene menzionato già nel XIII secolo – anche se la sua orgine sembra sia molto più antica. La struttura che si vede oggi comunque è del 1860 mentre l’entrata in stile art-decò è degli anni ’30 del ‘900. Anche se meno elegante del mercato di Leedenhall o del Covent Garden, il Borough Market ha una struttura molto affascinante, fatta di piani sovrapposti, che spesso ha fatto da set per produzioni cinematografiche – ad esempio per Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban.

Borough Market - London

Questo mercato è diventato molto popolare negli anni perché qui è possibile trovare molti ingredienti locali freschi e biologici ed è possibile assaggiare piatti di tutto il mondo: non solo sausage rolls e meat pie tipicamente british ma anche paella spagnola e formaggi francesi, parmigiano reggiano dop e lokum turchi. Insomma il paradiso di tutti gli appassionati di cibo.

Venite qui armati di macchina fotografica, magari all’ora di pranzo: resterete affascinati dai colori e dai profumi del cibo in mostra. Se soggiornate a Londra e avete una sistemazione dove potete cucinare, questa è l’occasione per acquistare ingredienti freschi: frutta, carne, verdura e latticini anche a km0 e biologici.

Take-away di qualità

Ma questo è anche un posto perfetto per una pausa pranzo veloce prima di ricominciare l’esplorazione della città: infatti il Borough Market è vicino a molti luoghi turistici – ad esempio si può raggiungere a piedi la Tate Modern Gallery – e al suo interno è possibile mangiare in uno dei locali a disposizione, oppure acquistare qualcosa da mangiare camminando.

The Ginger Pig

Se amate la carne potete provare ad assaggiare una delle specialità di The Ginger Pig: il fondatore, Tim Wilson, ha avviato 20 anni fa nello Yorkshire un minuscolo allevamento di maiali, oggi a distanza di 20 anni può vantare ben 5 punti vendita in vari quartieri londinesi, considerate tra le migliori macellerie della città. The Ginger Pig è specializzato nell’allevamento non intensivo di razze autoctone e nel recupero di tagli e ricette caduti in disuso; oltre ai suini oggi l’allevamento include anche bovini e ovini mentre i negozi offrono anche una selezione di piatti pronti, tipicamente britannici: sausage rolls, pasticci di carne – i tipici meat pies – a base di manzo, pollo, maiale o agnello, e il tradizionale scotch egg – un involtino di pasta, ripieno di salsiccia e con al centro un uovo sodo.   

Prezzi: a partire da £3.50

Borough Market - London

The Boston Sausage

Anche in questo caso astenersi vegetariani: del resto il nome parla chiaro. Questa azienda familiare, fondata nel 1852, in soli 4 anni è diventata popolare per la qualità della sua carne e per le ricette saporite che da 4 generazioni propone ai suoi clienti. Ma non fatevi ingannare da quel “Boston” che appare nel nome: la specialità sono le salsicce del Lincolnshire, servite anche negli hot dogs.

Prezzi: a partire da £4.00

Borough Market - London

Total Organics

In questo stand potete trovare varie opzioni take-away a base di ingredienti bio e vegetariani: la principale attrattiva di Total Organici sono le varie insalate fresche da accompagnare a succhi di frutta spremuti al momento – in molti altri stand li troverete invece già pronti – con o senza l’aggiunta di germogli freschi coltivati in proprio, che si vedono un po’ ovunque sul bancone. Oltre alle insalate ci sono piatti del giorno come le omelettes o le fajitas vegetariane, gli aggiornamenti del menu sono in genere postati sulla pagina Facebook.

Prezzi: a partire da £4.00 per un’insalata.

Borough Market - London

Bakery stands – prodotti da forno e pasticceria

Un’intera area è dedicata ai prodotti da forno e alla pasticceria: se proprio non volete fare la coda per un pasto caldo nella parte principale del mercato, potete tranquillamente orientarvi in quest’area per acquistare qualcosa da poter poi mangiare camminando o – se il meteo lo consente – magari seduti comodamente in uno dei tanti parchi londinesi.
Qui avrete solo l’imbarazzo della scelta: torte salate, quiche, praline e dolci di varie tradizioni – dalle meringhe al torrone, ma anche dolci del nord Europa fino al più classico cheese-cake e gli immancabili brownies.

Prezzi: a partire da £3.00 per il salato e £2.00 per il dolce.

Borough Market - London

Crediti immagini

Foto di Caterina Chimenti / Licenza CC.

Mappa


View Borough Market in a larger map

 

Photo Gallery

59c54cf2124c9de7cf004562e52036cc?s=400&d=mm&r=g

A proposito dell\\\\\\\\\\\\\\\'autrice

lonelytraveller

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post Ristorante ‘La Posteria’ a Viareggio
Next post A Montereggio, il paese dei Librai