Tempo di lettura:2 Minuti

Gorizia nell’800 era conosciuta come la “Nizza d’Austria”, visto che era uno dei luoghi di villeggiatura delle classi benestanti dell’Impero Asburgico. In questo contesto rientra il progetto di fare di questa città una vera e propria stazione climatica e soprattutto una “città giardino” secondo il gusto dell’epoca: il parco di Villa Coronini Cronberg si inserisce proprio in questa idea di riqualificazione urbana, e rappresenta uno dei gioielli di Gorizia. 

Gorizia, Parco Coronini Cronberg

Il parco è un polmone verde di 500 ettari che si estende all’interno della città, al limite del centro storico. Questo spazio nasce intorno al 1880, da un’idea del conte Alfredo Coronini: infatti prima di allora la villa di questa importante famiglia goriziana disponeva solo di un piccolo giardino all’Italiana. Il progetto del conte Alfredo invece voleva creare un giardino più vicino alla sensibilità romantica dell’epoca e ai modelli che aveva avuto modo di vedere durante i suoi viaggi – primo fra tutti il Castello di Miramare voluto da Massimiliano d’Asburgo.

Gorizia, Parco Coronini Cronberg Ecco quindi che il giardino diventa un parco, e le geometrie delle aiuole lasciano il passo a sinuosi viali dove dietro a ogni curva si aprono scorci nuovi, abbelliti da statue, fontane e giochi d’acqua.

Quello che conta qui sono le emozioni: per questo il visitatore è lasciato libero da vincoli e passeggiare per questi vialetti significa vedere ad ogni passo un panorama diverso, che suscita sentimenti diversi.

Anche le piante non sono piante qualunque: oltre ai classici sempreverdi tipici della vegetazione mediterranea, grazie al clima temperato di Gorizia qui crescono alcune piante “esotiche” come un cedro secolare, delle palme, un nespolo del Giappone, e altre specie che normalmente si trovano ad altre latitudini.

Il risultato è un giardino con mille sfumature di verde, equilibrato ed elegante, insomma un luogo quasi magico.

Per volere dell’ultimo conte, Guglielmo Coronini Cronberg, il parco è aperto al pubblico: si può visitare gratuitamente tutti i giorni dalle 7 fino al tramonto (le 18 in inverno, le 21 in estate) e in alcuni casi qui si tengono eventi speciali anche serali – ad esempio le proiezioni dei film in concorso per il Premio Sergio Amidei.

Gorizia, Parco Coronini CronbergAnche il Palazzo è visitabile: qui è custodita la collezione personale della famiglia Coronini Cronberg, di cui solo una piccola parte è in mostra permanente. L’ingresso al palazzo è a pagamento – le tariffe sono sul sito ufficiale – ma in onore all’ultimo conte simpaticamente il biglietto è gratuito per tutti coloro che si chiamano Guglielmo in qualunque lingua! Inoltre il biglietto è gratuito per chi ha acquistato l’FVG Card, il pass che da accesso ai trasporti e ai principali musei del Friuli Venezia Giulia.

Infine nelle scuderie del complesso sono organizzate regolarmente mostre a cura della fondazione Coronini: ad esempio in questo periodo fino al 30 Settembre potete visitare la mostra “Delle mie gioie ed’oggetti d’oro“, una mostra dedicata ai gioielli di famiglia dei conti Coronini, un viaggio nel tempo e nel gusto di epoche passate tanto più affascinante perché legato ai ricordi personali dei membri della famiglia.

Info

Villa e Parco Coronini Cronberg
Viale XX Settembre 14, Gorizia

Sito ufficiale: www.coronini.itEmail: info@coronini.it

Crediti immagini

Alcuni scorci del parco della Villa Coronini Cronberg, foto di Caterina Chimenti, licenza CC

59c54cf2124c9de7cf004562e52036cc?s=400&d=mm&r=g

A proposito dell\\\\\\\\\\\\\\\'autrice

lonelytraveller

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post Itinerario Ebraico a Gorizia
Next post Pirano: mangiare con gusto a prezzi popolari