Tempo di lettura:3 Minuti

Gorizia è stata in passato un’importante località nel cuore della Mitteleuropa, e come in altre città di quest’area anche qui la presenza ebraica ha radici abbastanza antiche – il primo insediamento risale addirittura al medioevo – e ha dato i natali ad importanti studiosi e intellettuali: in passato la fama della comunità era tale che l’intera città era conosciuta anche come “piccola Gerusalemme sull’Isonzo”.

491

Anche se la comunità ebraica goriziana non è mai stata numerosa, la sua storia si intreccia strettamente con quella della città: il contributo degli ebrei di Gorizia alla storia economica, politica e artistica della città è stato rilevante, basta pensare a quanti aderirono alla causa dell’irredentismo, a differenza di altre città dell’impero austro-ungarico. Anche per questo oggi la città dimostra la sua gratitudine conservando con cura il patrimonio storico e architettonico ebraico. Non a caso la locale sinagoga, costruita nel 18° secolo, è stata restaurata ed è perfettamente conservata, nonostante non sia più usata per il culto, visto che la comunità ebraica goriziana decimata durante la seconda guerra mondiale, è stata annessa nel 1969 a quella di Trieste.

490Se siete curiosi di approfondire questo aspetto della storia e della cultura goriziana potete procurarvi la piccola guida per un itinerario ebraico di Gorizia, che potete trovare presso i punti di informazione turistica: pubblicata nel 2010 in occasione delle celebrazioni per il centenario della morte di Carlo Michelstaedter questa guida in quattro lingue (italiano, sloveno, tedesco, inglese) illustra brevemente i luoghi più importanti per la storia dell’ebraismo a Gorizia.

La parte principale del percorso ruota attorno all’antico ghetto, istituito nel 1698 e situato lungo quella che oggi è via Ascoli: si tratta di una strada costeggiata da eleganti palazzine colorate, le più antiche decorate con tipici balconi in ferro battuto o in pietra. Su alcune di queste sono ancora visibili le iscrizioni che attestano la data di costruzione degli edifici. In questa via si trovano due edifici importanti: la casa di Graziadio Ascoli, illustra linguista e glottologo, e la Sinagoga.

La sinagoga in particolare è l’edificio principale di via Ascoli. Costruita nel 1756 oggi oltre ai locali destinati al culto – ormai non più utilizzati – ospita il “museo della Gerusalemme sull’Isonzo” dedicato alla storia del popolo ebraico e agli ebrei goriziani e una selezione di dipinti di Michelstaedter. Il museo comprende percorsi didattici anche per non vedenti.

Oltre alle aperture in occasione del Giorno della Memoria e della Giornata della Cultura ebraica (tra pochi giorni, la prima domenica di settembre) è possibile visitare la sinagoga e il museo il pomeriggio del martedì e giovedì (gli orari e i giorni di apertura sono consultabili sul sito del comune di Gorizia) oppure su appuntamento, l’ingresso è gratuito.

475

Lungo via Ascoli è ancora visibile uno dei cancelli che chiudevano il ghetto. Infine un piccolo giardino, adiacente la sinagoga, porta il nome di Bruno Farber, la più piccola vittima della deportazione, ad appena 3 mesi.

Il percorso comprende poi la piccola via Cocevia, nei pressi della centrale via Rastello: si tratta della prima sede del ghetto, prima che questo fosse spostato in via Ascoli. In via Rastello è stata posta la statua dedicata a Michelstaedter.

468

L’ultima tappa è il cimitero di Val di Rose / Rožna Dolina, oggi in territorio Sloveno (si trova a pochi chilometri dal confine) dove riposano la maggior parte degli ebrei goriziani: il valore storico di questo cimitero è notevole, si trovano infatti lapidi che risalgono al XV secolo. Il cimitero è considerato un monumento di importanza nazionale.

Mappa


Visualizza Gorizia Itinerario Ebraico in una mappa di dimensioni maggiori

Crediti immagini

  1. Una delle case di via Ascoli
  2. Casa Ascoli
  3. La Sinagoga
  4. Via Cocevia

Immagini di Caterina Chimenti, licenza CC

59c54cf2124c9de7cf004562e52036cc?s=400&d=mm&r=g

A proposito dell\\\\\\\\\\\\\\\'autrice

lonelytraveller

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post Gorizia: itinerario nel centro storico
Next post Gorizia: il parco di villa Coronini Cronberg