Tempo di lettura:3 Minuti

Come ho scritto alcune settimane fa ho avuto la possibilità di assistere all’edizione 2012 del Premio Internazionale alla Miglior Sceneggiatura intitolato al grande sceneggiatore Sergio Amidei – autore di alcune delle pagine più belle dei nostro cinema come Sciuscià e un borghese piccolo piccolo.

433

 Sono stata molto contenta di assistere a questo evento perché si tratta di una bellissima occasione per celebrare il cinema di qualità e per visitare una città che si trova al di fuori dei consueti itinerari turistici. 

Ogni anno infatti da ben 31 anni nella cittadina al confine tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia va in scena questo festival, uno dei più interessanti del panorama italiano; lontano dai riflettori e dai red carpet di premi più noti al grande pubblico, il Premio Sergio Amidei si concentra esclusivamente sul lavoro degli sceneggiatori: un lavoro spesso misconosciuto ma fondamentale per la realizzazione di un film.

Oltre alla proiezione dei film in concorso il Premio Amidei propone agli spettatori un calendario fitto di eventi, proiezioni speciali, rassegne e incontri con autori e registi che faranno la gioia degli appassionati, con una speciale attenzione al cinema indipendente italiano.

435

L’ingresso a tutte le proiezioni è gratuito, e questo permette a tutti di partecipare.

Quest’anno inoltre l’organizzazione del Festival ha proposto un’intera rassegna dedicata ai fratelli Taviani: reduci dei premi raccolti per la loro ultima fatica Cesare deve morire i due registi hanno conquistato anche il premio Opera d’Autore 2012 dedicato ai grandi Autori che si sono cimentati nel cinema con una particolare attenzione alla sceneggiatura; in questa occasione è stato anche presentata la ristampa restaurata de la notte di San Lorenzo (1982) uno dei film più noti dei Taviani realizzata anche grazie all’Associazione di Cultura Cinematografica “Sergio Amidei”. 

Ma non ci sono solo pellicole d’autore, durante le giornate del festival sono proposti anche film per il grande pubblico proiettate all’aperto nella bellissima cornice del parco Coronini Cronberg. Un esempio? Posti in piedi in paradiso di Carlo Verdone – film in concorso – e Scialla! di Francesco Bruni – uno dei giurati del premio. 

432

Tra le proposte che ho potuto visionare e che ho apprezzato c’è il delizioso Tormenti – film disegnato di Filiberto Scarpelli su soggetto del grande Furio Scarpelli: si tratta di una sorta di graphic novel in movimento ma non animata, ambientata durante il fascismo alla quale hanno prestato la voce grandi attori italiani, tra i quali Luca Zingaretti, Alba Rohrwacher e Elio Pandolfi. 

434

Bellissimo anche il ciclo di proiezioni per la categoria “Storie dell’altro mondo” dedicato alle tradizioni cinematografiche di paesi lontani, un modo per viaggiare tramite le immagini. Nel mio caso ho potuto vedere Primavera precoce al secondo mese lunare (1963) di Xie Tieli, film ambientato nella cina degli anni ’20 e che racconta con rara eleganza la fine di un epoca con tutti i suoi pregi e i suoi difetti.

Interessante e originale anche “il cinema del cioccolato”, la piccola grande mostra allestita di fronte al Kinemax – la sala cinematografica che ospita la maggior parte delle proiezioni – che documenta attraverso le figurine che una volta si regalavano insieme alle confezioni di cioccolato, che ritraevano le grandi star del cinema: un modo “dolcissimo” di documentare le evoluzioni del cinema e del costume attraverso dall’epoca del muto agli anni ’70.

La 31a edizione del Festival si concluderà il 28 Luglio, e se proprio non siete riusciti a partecipare ma siete degli appassionati di cinema allora vi consiglio di programmare già da ora una gita a Gorizia per l’edizione 2013.

Crediti immagini

  1. L’apertura del Festival con la proiezione del primo film in concorso, presso il parco Coronini Cronberg
  2. Il cortile antistante il Kinemax, in piazza della Vittoria, Gorizia
  3. Un fotogramma di Tormenti – film disegnato
  4. La locandina della mostra Il cinema del cioccolato

Foto 1 e 2 di C. Chimenti (licenza CC)

 

59c54cf2124c9de7cf004562e52036cc?s=400&d=mm&r=g

A proposito dell\\\\\\\\\\\\\\\'autrice

lonelytraveller

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post Il prossimo viaggio: Friuli Venezia Giulia e Slovenia
Lisboa praca do commercio 01 web Next post La Lisbona di Pessoa: “Quello che il turista deve vedere”