UNEP, il programma delle Nazioni Unite per la Protezione dell’Ambiente ha recentemente lanciato la nuova campagna Green Passport per promuovere pratiche di turismo sostenibile e una riduzione progressiva dell’impronta ecologica del viaggiatore.

Lobiettivo è quello di sensibilizzare i viaggiatori del Nord del mondo rispetto alle loro scelte in merito a destinazioni e mezzi di trasporto. Il Green Passport rappresenta infatti un vademecum per progettare e realizzare spostamenti, viaggi e vacanze con un impatto ambientale e sociale minimo.

L’iniziativa, lanciata insieme al Ministero Francese dell’ecologia, sviluppo e pianificazione è per ora disponibile solo sul web in francese e inglese e presto in portoghese e dovrebbe poi essere lanciato in vari paesi (speriamo anche l’Italia?)

Si tratta della prima iniziativa di tale portata a livello mondiale, che se correttamente sviluppata potrebbe effettivamente fare la differenza in un settore, quello del turismo, in costante crescita, e pertanto sempre più pesante in termini di impatto ambientale e sociale.

L’unico neo è però il sito stesso di Green Passport, per ora unico strumento di divulgazione della campagna, che è realizzato in Flash e non fornisce un’alternativa accessibile.

59c54cf2124c9de7cf004562e52036cc?s=400&d=mm&r=g

A proposito dell\\\\\\\\\\\\\\\'autrice

lonelytraveller

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

One thought on “Un passaporto tutto verde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous post Viaggi, politica e pubblicità
Next post NaTour, il giro di Napoli illustrato